Il voltamarsina

Nel Malcantone dei primi del Novecento, Liberali e Conservatori non lasciano nulla d'intentato pur di strappare voti al partito avverso. In questo scenario il povero Tomaso Bianchi, detto il "Becin", zimbello del paese, si ritrova a essere l'ago della bilancia di una decisiva contesa elettorale. Tratto dall'omonimo romanzo di Don Francesco Alberti del 1933 e diretto da Vittorio Barino, "Il voltamarsina" rimane uno dei più importanti impegni produttivi in ambito di fiction della RSI.